Japanese traditional hina dolls for Girl's Festival on March 3rd

Marzo, la festa delle bambine – Le stagioni in Giappone

Il mese di marzo è anche conosciuto come Yayoi in Giappone. La parola “yayoi” è un termine che combina le parole “ya” (ancora di più) e “sei” (vegetazione rigogliosa), e significa “il mese in cui le piante e gli alberi crescono sempre di più”.

Tra gli eventi e le usanze che sono state tramandate di generazione in generazione, uno degli eventi tradizionali di marzo è lo “Hinamatsuri”, noto anche come Festa della pesca o Festa delle bambine, e si tiene il 3 marzo per pregare per la crescita sana delle ragazze. Questo articolo tratta dello Hinamatsuri.

 

L’origine dello Hinamatsuri

Ci sono molte teorie sull’origine dello Hinamatsuri, ma quella più popolare lo fa risalire all’antico “Joushi-no-Sekku”, introdotto in Giappone dalla Cina. In origine non era una festa dedicata alle ragazze, ma un evento stagionale per allontanare gli spiriti maligni.

Nel calendario ideato nell’antica Cina, i dodici animali dello zodiaco cinese furono assegnati in modo che il popolo potesse ricordarli facilmente. Joushi è una delle cinque feste stagionali (l’avvicendarsi delle stagioni secondo l’antico calendario cinese), e si riferisce al giorno del serpente dell’inizio di marzo.

Come i serpenti si spogliano della loro vecchia pelle e si rinnovano, i cinesi erano soliti andare in riva all’acqua in questo giorno per purificare il loro corpo e liberarsi delle impurità.

Il Joushi-no-Sekku fu introdotto in Giappone a metà del periodo Heian (circa 1.000 anni fa) dagli inviati giapponesi in Cina. In Giappone, la festa fu trasformata in un evento per allontanare gli spiriti maligni, trasferendo la propria sfortuna su una bambola di carta e gettandola nel fiume o nel mare.

Allo stesso tempo, il gioco delle bambole stava diventando popolare tra le ragazze dell’alta società. Il gioco consiste nell’uso di bambole di carta e giocattoli che riproducono i mobili e gli attrezzi della casa, imitando la vita quotidiana di una famiglia.

A un certo punto, i due tipi di bambole di carta, del Joushi-no-Sekku e del gioco delle bambole, si fusero gradualmente in uno solo. Nel periodo Edo (1603-1868), il Joushi-no-Sekku divenne un evento distintivo del Giappone, noto col nome di Hinamatsuri.

Una bambina in kimono rosso che posa davanti alle bambole dello Hinamatsuri

Cosa si fa per lo Hinamatsuri?

Le famiglie in cui ci sono bambine decorano bambole bellissime per lo Hinamatsuri con la speranza che le loro figlie crescano sane, facciano un buon matrimonio e abbiano una vita felice. Le bambole sono fatte per assomigliare all’imperatore, all’imperatrice e ai loro servitori, in quanto sono espressione della scintillante cultura aristocratica.

Il giorno dello Hinamatsuri, le bambole vengono decorate con fiori di pesco per dare il benvenuto all’arrivo della primavera, e si tiene una festa con cibi tradizionali come chirashi-zushi, zuppa di vongole e sakè bianco dolce. Essendo un festival, la giornata è piena di un’atmosfera festosa.

 

Cibi portafortuna per lo Hinamatsuri

Ci sono alcuni cibi che vengono mangiati nel giorno dello Hinamatsuri per portare fortuna. Ecco alcuni dei più popolari.

Chirashi Zushi

Chirashi zushi

Il chirashi-zushi è un tipo di sushi in cui una varietà di ingredienti è posta sopra il riso cotto nell’aceto. Ha un aspetto magnifico ed è perfetto per le celebrazioni. Gli ingredienti in cima sono legati alla salute e alla longevità, come il gambero che, con la sua forma ricurva, indica l’auspicio di lavorare fino a quando la schiena si curva, e la radice di loto che, attraverso un foro, permette di vedere simbolicamente oltre il presente.

Zuppa Hamaguri (vongole)

Zuppa di vongole per celebrare la Festa delle bambine in Giappone

I gusci dei molluschi bivalve sono accoppiati, quindi devono avere la stessa forma per incastrarsi perfettamente. Per questo motivo sono stati considerati come il simbolo di un buon matrimonio. Si tratta di un portafortuna per la Festa delle bambine, con l’auspicio che la coppia resti insieme per il resto della vita.

Hishimochi

Gli Hishimochi sono usati per decorare le bambole dello Hinamatsuri

Un tipo di dolce giapponese fatto sovrapponendo strati di riso color pesca, bianco e verde e tagliandolo a forma di diamante. Il colore della pesca rappresenta la “protezione dal male”, il colore bianco la “purezza e pulizia” e il colore verde la “salute”. Anche l’ordine in cui i colori sono stratificati ha un significato: "I nuovi boccioli ondeggiano al vento sotto la neve, e i fiori di pesco stanno sbocciando sopra la neve".

Shirozake (sakè bianco e dolce)

Lo shirozake è fatto aggiungendo riso glutinoso cotto al vapore o malto di riso al mirin (sakè dolce) o allo shochu (distillato) e lasciandolo maturare per circa un mese per poi schiacciarlo. È caratterizzato dal suo colore bianco torbido e dal suo sapore dolce. Si crede che il colore bianco allontani gli spiriti maligni e viene bevuto come portafortuna. Dato che i bambini non possono bere lo shirozake, viene spesso sostituito con la versione senza alcol, l’amazake.

 

Storie legate alle quattro stagioni

Older Post
Newer Post

NEWSLETTER

Altre storie sull'artigianato e le culture giapponesi a venire!

Age verification

By clicking enter you are verifying that you are old enough to consume alcohol.

Search

Shopping Cart

Your cart is currently empty.
Shop now